Le vie dei pellegrini in Sicilia

(4 Gennaio 2020)

Le vie dei pellegrini in SiciliaPraticamente in ogni religione i pellegrinaggi hanno sempre avuto un ruolo importante sin da tempi remoti. Nel mondo cristiano medievale oltre al pellegrinaggio a Gerusalemme, riservato tuttavia ad una ristretta cerchia di pellegrini, ricchi di denaro e di coraggio, vi erano molti altri itinerari che conducevano a città e luoghi sacri. La più importante era la famosa Via Francigena che dall’Inghilterra e dalla Francia arrivava a Roma.
Anche in Sicilia vi erano vie di pellegrinaggio famose e tradizionali percorse dai fedeli di altri tempi. Esse da qualche anno vengono a poco a poco riscoperte e curate – anche a livello di assistenza turistica – da istituzioni ed associazioni sia pubbliche che private a vantaggio dei moderni pellegrini. A spingere questi ultimi ad incamminarsi a piedi o in bici per sentieri e strade poco battute non è solo la fede ma come si può ben immaginare anche il contatto con la natura, la scoperta di luoghi e monumenti poco conosciuti, lo spirito di avventura in genere.
Uno degli itinerari più frequentati è ad esempio la Magna Via Francigena di Sicilia, un percorso di 186 Km che si snoda attraverso la Sicilia centrale tra Palermo e Agrigento toccando numerosi comuni. Il cammino è suddiviso in nove tappe di 20-25 Km ed è provvisto di segnaletica. Chi possiede la “credenziale del pellegrino” può trovare alloggio a costi economici in ostelli e strutture presenti nei comuni lungo il percorso, e naturalmente ricevere il testimonium, cioè il timbro sul foglio credenziale che attesta l’effettivo cammino. Tutte le informazioni dettagliate su come richiedere il foglio credenziale, l’equipaggiamento, i punti di riferimento lungo il percorso (alloggi, comitati di accoglienza, ecc.), nonché tutti i recapiti necessari si possono trovare nel sito www.magnaviafrancigena.it .
Esistono comunque tanti altri itinerari, nati e curati anche da associazioni culturali sorte specificatamente in questi ultimi anni per la loro organizzazione, manutenzione e promozione. È il caso ad esempio della “Via dei Frati”, un percorso di 166 Km da Caltanissetta a Cefalù. Su questa distanza si snodano le vie percorse fino al secolo scorso dai frati mendicanti che nella bella stagione si spostavano a piedi o a dorso di mulo da un paesino all’altro delle Madonie in cerca di elemosine e grano per l’inverno. L’organizzazione è curata dall’Associazione “Amici della Via dei Frati”. Il loro sito web www.laviadeifrati.wordpress.com fornisce tutta l’assistenza e le informazioni necessarie, dalla richiesta della “credenziale del pellegrino” fino, ad esempio, al tracciato gps dell’itinerario da scaricare sul proprio smartphone.
Per i tanti altri itinerari che vengono organizzati specie nei mesi più caldi anche occasionalmente da enti religiosi, gruppi di escursionisti, ecc. la migliore fonte di informazione in Internet è il sito www.viesacresicilia.it che raccoglie tutte le news su questo tema.

Testo di Ignazio Burgio. L’immagine è tratta da Wikipedia.
Riepilogo dei link citati in questo articolo:


Le vie dei pellegrini in Sicilia



Privacy policy

Tributo alla stupidità dei motori di ricerca. Il mio plugin wp per motori di ricerca mi suggerisce che per indicizzare al meglio questo articolo devo inserire almeno -4- volte la frase chiave “Le vie dei pellegrini in Sicilia”. Dunque al fine di evitare che l’articolo si possa indicizzare male se non si trova la frase Le vie dei pellegrini in Sicilia penso che sia opportuno inserirla un certo numero di volte all’interno di questo testo. Ma al fine di non banalizzare lo stile di questo articolo (assolutamente non commerciale) ripetendo fino alla noia la stessa frase, ritengo sia meglio aggiungere alla fine la suddetta frase – appunto la frase le vie dei pellegrini in Sicilia – nascondendo il tutto alla vista dei pazienti lettori. Spero che in tal modo il mio plugin sia soddisfatto di aver trovato la frase in questione – le vie dei pellegrini in Sicilia, ovviamente – e non si lamenti più. E spero che i lettori non leggano mai questo testo, perchè è perfettamente inutile.