La Grotta dei Cavalli a San Vito Lo Capo

La Grotta dei Cavalli a San Vito Lo CapoA due chilometri e mezzo dall’abitato di San Vito Lo Capo (Trapani), a poche decine di metri dal caratteristico mare azzurro trasparente, si apre lungo la parete di un alto costone roccioso la Grotta dei Cavalli, una delle tante grotte di varie dimensioni che costellano il litorale da Palermo a Trapani.
Come molte di queste, essa reca ancora al suo interno i segni e le testimonianze del passato preistorico della Sicilia. Nelle sue pareti di fondo, si trovano dipinte in ocra rossa simboli e personaggi stilizzati. I primi sono costituiti da forme geometriche di tipo ellittico o ondulato. Accanto ad essi si trovano anche uomini stilizzati, in posizione eretta e con il fallo ben visibile tra le gambe. Uno di essi ha un arco e una freccia.
I pittogrammi più interessanti sono tuttavia costituiti dalla rappresentazione del sole, anch’esso in forma stilizzata, con cerchi concentrici e raggi, e da un’imbarcazione.
Esiste un certo parallelismo tra la Grotta dei Cavalli e un’altra caverna non molto distante, in direzione di Trapani, ovvero la Grotta di Polifemo. Anche in quest’ultima è presente un simbolo – di tipo labirintico – ed un’immagine antropomorfa, oltre a quanto resta di altre pitture. Queste sono state datate dagli archeologi ad un periodo intorno al 3.000 a. C., forse quindi un po’ più antiche delle immagini presenti nella Grotta dei Cavalli, risalenti, sempre secondo le stime degli archeologi, al 2500 a. C. o poco più.
Ma quello che accomuna strettamente queste due grotte consiste in un fenomeno archeoastronomico. Nei giorni del solstizio d’estate, intorno al 21 giugno, il sole ormai rosso poco prima di tramontare nel mare antistante, illumina l’interno di entrambe le caverne facendo risplendere di un intenso color granata le loro pareti di fondo.
Questo fenomeno che si ripete ogni anno, scoperto pochi anni fa dallo studioso Ignazio Burgio – nella Grotta di Polifemo – e dall’archeologo Alberto Scuderi – proprio nella Grotta dei Cavalli – doveva rivestire per quelle antiche popolazioni in primo luogo un significato religioso, collegato agli antichi culti solari di cui anche nell’interno della Sicilia rimangono importanti testimonianze scoperte e studiate dal medesimo Alberto Scuderi.
La Grotta dei Cavalli a San Vito Lo CapoMa la presenza nella Grotta dei Cavalli dell’immagine stilizzata di un’imbarcazione vicina a quella del sole fa sorgere anche un’altra interessante ipotesi. E cioè che il tramonto del sole che riesce finalmente ad illuminare l’interno di entrambe le caverne intorno al 21 giugno, indicasse agli antichi naviganti non solo il solstizio d’estate – l’inizio cioè di un periodo con mare più tranquillo e più favorevole alla navigazione – ma anche una preziosa rotta: mettendo infatti la prora verso il disco solare al tramonto, cioè verso nord-ovest, le navi mercantili che salpavano dai litorali trapanesi erano sicuri di giungere in pochi giorni in Sardegna, isola ricca di metalli.
Non è escluso insomma che la Grotta dei Cavalli, al pari della non lontana Grotta di Polifemo, svolgesse anche una funzione pratica di calendario e “carta nautica” in un’età remota in cui la scrittura, in Sicilia come in tantissime altre parti, non era ancora utilizzata.

Come arrivare. La Grotta dei Cavalli è separata dal paese di San Vito Lo Capo da un’alta formazione rocciosa. Per raggiungerla dall’abitato è quindi necessario recarsi sino alla Punta del Faro e poi ridiscendere verso sud seguendo la spiaggia per un paio di chilometri, oltrepassando i resti di un vecchio bunker militare ed alcune piccole grotte.
Testo di Ignazio Burgio. Le immagini, di Davide Mauro, sono tratte da Wikipedia.






Privacy policy

Tributo alla stupidità dei motori di ricerca. Il mio plugin wp per motori di ricerca mi suggerisce che per indicizzare al meglio questo articolo devo inserire almeno -4- volte la frase chiave “La Grotta dei Cavalli a San Vito Lo Capo”. Dunque al fine di evitare che l’articolo si possa indicizzare male se non si trova la frase La Grotta dei Cavalli a San Vito Lo Capo penso che sia opportuno inserire un certo numero di volte la frase La Grotta dei Cavalli a San Vito Lo Capo all’interno di questo testo. Ma al fine di non banalizzare lo stile di quest’articolo ripetendo fino alla noia la stessa frase, ritengo sia meglio aggiungere alla fine la frase La Grotta dei Cavalli a San Vito Lo Capo nascondendo il tutto alla vista dei pazienti lettori. Spero che in tal modo il mio plugin sia soddisfatto di aver trovato la frase in questione – La Grotta dei Cavalli a San Vito Lo Capo, ovviamente – e non si lagni più. E spero che i lettori non leggano mai questo testo, perchè è perfettamente inutile.